EXIBART Arteatro Festival Deus Ex Machina – Noemi Pittaluga

arteatro_festival
Deus ex Machina

Kollatino Underground alle prese con Deus ex Machina. La rassegna romana istitusce un laboratorio di monitoraggio permanente per artisti e ricercatori. Sul tema delle arti digitali…

I sette progetti e gli incontri di Deus ex Machina, organizzati presso Kollatino Underground di Roma, ruotano intorno all’esplorazione dell’interazione corpo-macchina. Quali sono le modalità di fare spettacolo e quali i luoghi deputati in questo diaframma concettuale e operativo?
090109 del gruppo Teatrino Elettrico presenta un live show che si rifà tecnicamente ai grandi fondatori dell’installazione video-live (Acconci, Nauman…), smagliato però in una drammaturgia non chiaramente strutturata; il Collettivo Almagesto propone lo spettacolo In promptu#02, mentre Teatro Deluxe presenta un evento dal titolo Femminea-I animazione?.
Se i primi gruppi ospiti si concentrano sulla rivelazione dei dispositivi utilizzati e sulla designazione di una dimensione intertestuale, inserendo citazioni provenienti dalla storia dell’arte (Op art) e del teatro-cinema (Beckett), le ultime due rappresentazioni (messe in scena dai Gabriella Riccio photo Raoul TerilliCaosmos/cia Gabriella Riccio e dall’Estroteatro) propongono un progetto site specific dal titolo Tutto sia calmo, che tenta una ridefinizione della compononente spaziale. 
Lo spettacolo di teatro-danza Noli Me Tangere mescola e sovrappone differenti dispositivi: illuminazione e parola (estratti da Nancy, Murakami, Mishima, Dante, Bergson), con gesti e suono legati grazie a un software che converte il rumore del movimento dei due ballerini in una sonorità “altra”. Diversamente dalle rappresentazioni precedenti, qui le citazioni diventano espliciti riferimenti alle opere di Francis Bacon e Bill Viola, in particolare in Body of light, così da stratificare i rimandi e allargare i piani di lettura dell’oggetto.
Lo spazio scenico è un cubo trasparente di plastica in 4.48. Il pubblico è disposto intorno alla scena, che consente di seguire le azioni della figura centrale (Cinzia Scotton), dai quattro diversi punti di vista. Le parole del monologo, tratto da Psicosi alle 4. 48 di Sarah Kane, denunciano insieme ai gesti e ai rumori delle mani che scivolano sulle pareti in plastica l’universo claustrofobico in cui prende corpo l’azione. Su ogni parete sono proiettate le immagini del volto dell’attrice, una bocca, alcune lettere, poche frasi. Alcuni numeri vengono scritti sulla superficie trasparente, mentre elementi materiali (pillole e acqua) entrano in scena attraverso l’uso di robot meccanici disposti sul soffitto della vetrina. La malattia è tangibile attraverso gli sputi indirizzati al pubblico e il registro sonoro composto da musiche chillout. 
Contrariamente ai progetti suddetti, è solo con Tutto sia calmo che il registro sonoro (musica elettronica composta da Iqbit) viene investito di pari dignità rispetto all’immagine. Improvvisamente, su due pannelli in plastica, appaiono fasci luminosi prodotti dai movimenti dei performer. I Keramik Papier non tradiscono la natura installativa del progetto, ambientandolo in un corridoio molto stretto; suono e immagine si compenetrano, rispondendo alle domande iniziali che questa piattaforma culturale si era posta: qual è lo scopo della sperimentazione artistica, se non la de-gerarchizzazione dei diversi dispositivi e dei diversi linguaggi? 

download .pdf  EXIBART Arteatro di Noemi Pittaluga

la rubrica arteatro è diretta da Piersandra di Matteo


dal 26 al 29 maggio 2009
D.x.M – Deus Ex Machina. La tecnologia applicata alle arti performative
a cura di Chiara Crupi e Mauro Petruzziello
Kollatino Underground
Via Georges Sorel, 10 – 00177 Roma
Info: deusexmachinalab.wordpress.com

[exibart]